A man a foot ain’t a man at all – Brown project space Milan

A man afoot ain’t a man at all / Un uomo a piedi non è un uomo

Solo show at Brown Project Space in Milan

February 21 2011 – April 2 2011

La programmazione di Brown prosegue con la prima personale di Daniele Pezzi.

Catalizzatore della mostra è l’ultimo video (a man afoot ain’t a man at all) che l’artista ha realizzato durante un anno di attraversamenti in Australia e proiettato per la prima volta alla Biennale di Sinop in Turchia. Il titolo dell’opera, che cita  “le vie dei canti” di Bruce Chatwin, fa riferimento alla opinione segreta che la maggioranza delle persone ha del nomade. La stessa che i coloni inglesi avevano quando hanno tentato di cancellare la cultura aborigena togliendole dignità e diritti.

Il nomadismo è la prassi creativa ormai consolidata per Daniele Pezzi. I suoi lavori nascono in viaggio e in questo caso l’artista ha deciso di palesare questo processo e la sua intrinseca natura sciamanica.

Nella prima sala il pubblico è accolto dall’oscurità dove un faro illumina la scultura “tu vedi di me solo la parte che galleggia” realizzata a quattro mani con Luigi Presicce. La materia rossa adagiata sul pavimento si configura come fulcro dello spazio e suggerisce il movimento circolare degli spettatori. Un cammino rituale che rimanda a quello che nella realtà si svolge intorno ad Uluru/Ayers rock. La presenza di questa roccia è una costante anche nel video, dove indica allo stesso tempo il passaggio dal giorno alla notte (dalla vita diurna ai rituali notturni), e la trasformazione interiore del protagonista e dello spettatore. Da qui si accede alla seconda stanza dove il video viene proiettato su uno schermo creato per l’occasione partendo dai modelli di strutture a traliccio, e in particolare quella del cinema all’aperto di Coober Pedy in Australia.

Il video è un percorso iniziatico che porta nell’oscurità selvaggia del deserto, all’incontro con altri viaggiatori, anche loro perduti in sè stessi.

 

 

… io sono un iceberg

tu vedi di me solo la parte che galleggia

in questa acquosa realtà

sotto sotto, nascosta, c’è un’enormità di male, amore, rabbia, confusione

un oceano lacrimale

che sommerge la mia parte migliore, più consistente, meno conosciuta

una piccola cima, ma dovresti aver paura

è la punta di un naso di un massiccio corpo sommerso …

(Iceberg, A.F.A. / Fabrizio Tavernelli)

Tu vedi di me solo la parte che galleggia / You just see my floating side. Daniele Pezzi + Luigi Presicce 2011
Tu vedi di me solo la parte che galleggia / You just see my floating side. Daniele Pezzi + Luigi Presicce 2011
A man afoot ain't a man at all / Un uomo a piedi non è un uomo. Daniele Pezzi 2010
A man afoot ain't a man at all / Un uomo a piedi non è un uomo. Daniele Pezzi 2011

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s